«Nel mondo di oggi c'è grande sete di Cristo e della libertà che Egli solo ci offre. Nelle case cattoliche e nella parrocchia i nostri fratelli devono trovare le fonti di acqua viva, le fonti di grazia divina, le fonti del Magistero della Chiesa e dei Sacramenti, specialmente, la Penitenza e la Sacra Eucaristia, che possono estinguere la sete spirituale di un mondo tristemente secolarizzato» (Cardinal Leo Raymond Burke, 26 Dicembre 2010)

martedì 29 novembre 2016

Anche il vescovo di Philadelphia Chaput chiede chiarimenti sull'Amoris Laetitia

«Se il documento [Amoris laetitia, ndr] contiene elementi che alcuni studiosi cattolici seri vedono come ambigui, i problemi che sollevano devono essere affrontati in modo onesto e diretto». Lo ha detto il vescovo di Philadelphia, monsignor Charles Chaput, rispondendo a una domanda del Catholic World Report a proposito dei dubia sollevati da quattro cardinali in merito all’interpretazione del capitolo VIII dell’esortazione apostolica.
In un contesto come quello del mondo occidentale, dove «la cultura non è amichevole con il Vangelo», i cristiani si confrontano con «confusione e mancanza di chiarezza» sui temi del matrimonio, della famiglia e l’identità sessuale. E bisogna ricordare che «l’ambiguità circa la comunione ai divorziati risposati civilmente impatta sulla nostra comprensione non di uno, ma di due sacramenti: il matrimonio e l’eucaristia».
«I nostri orientamenti diocesani per Amoris laetitia, emessi a luglio, sono emersi da una consultazione molto approfondita. E sono stati bene accolti. Altri vescovi hanno preso misure simili, e spero che altri facciano lo stesso. E’ responsabilità del vescovo locale governare e insegnare».

Fonte: http://sinodo2015.lanuovabq.it/mons-chaput-i-dubia-vanno-affrontati-in-modo-onesto-e-diretto/
g

Comincia la persecuzione. I quattro cardinali che hanno scritto al Papa rischiano il cardinalato?

Mons. Pio Vito Pinto, Decano della Rota Romana, cioè l’ente che decide in ultima analisi nel campo delle nullità matrimoniali, ha avanzato l’ipotesi che il Pontefice regnante potrebbe anche privare della porpora i quattro cardinali che seguendo una prassi consolidata nella Chiesa hanno chiesto alla Congregazione della Fede, e di conseguenza al Papa, di chiarire cinque “Dubia” relativi alla Amoris Laetitia.
Pinto, noto per il suo zelo super erogatorio nei confronti del Pontefice, parlava in una conferenza all’Università Ecclesiastica di San Damaso a Madrid. Pinto sosteneva in buona sostanza che chiunque dentro la Chiesa avanzino dei dubbi sull’Amoris Laetitia, l’esortazione apostolica sulla famiglia resa nota tempo fa mettono in dubbio “due Sinodi dei vescovi sul matrimonio e la famiglia! Non un Sinodo ma due! Uno ordinario e uno straordinario. Non si può dubitare dell’azione dello Spirito Santo!”.
Pinto, come riporta Religión Confidencial, si riferiva soprattutto ma non solo ai cardinali Walter Brandmüller, Raymond Burke, Carlo Caffarra e Joachim Meisner, che di fronte alle evidenti ambiguità del testo dell’esortazione, e alla confusione di grande ampiezza che ne è seguita, hanno chiesto a settembre al Pontefice di chiarire alcuni punti su divorziati e risposati ed eucarestia. Non ricevendo alcuna risposta, e, aggiungiamo noi, probabilmente informati del fatto che non sarebbe venuta nessuna risposta, due mesi più tardi hanno reso pubblica la loro lettera, i cosiddetti “Dubia”.
“Quale Chiesa difendono questi cardinali – si è chiesto Pinto? – Il Papa è fedele alla dottrina di Cristo. Quello che hanno fatto è uno scandalo molto grave che potrebbe addirittura portare il Santo Padre a ritirar loro il cappello cardinalizio come già è accaduto in qualche altro momento della Chiesa. Il che non vuol dire che il Papa tolga loro la posizione di cardinale, ma potrebbe farlo”.
A una domanda relativa a chi sostiene che la Chiesa cattolica stia abbracciando la Riforma protestante, il Decano della Rota ha spiegato che “Lutero ha distrutto la fede cattolica degli apostoli. La Chiesa cattolica crede che nell’eucarestia sia presente Gesù Cristo, e il protestantesimo non cede nella presenza reale di Cristo nella Comunione. Questa è la grande differenza”.
Fonte: http://www.marcotosatti.com/


***

Conferencia en la Universidad Eclesiástica San Dámaso

Decano de la Rota Romana: “Los cuatro cardenales que han escrito al Papa podrían perder su cardenalato”

Monseñor Pío Vito advierte que estos prelados han dado un escándalo grave al hacer pública la carta que enviaron al Santo Padre

Monseñor Pío Vito Pinto, Decano de la Rota Romana, máxima autoridad de la Iglesia católica en procesos de nulidad, ha pronunciado una conferencia en la Universidad Eclesiástica San Dámaso de Madrid. De manera enérgica y empleando un tono fuerte, ha dicho que los cuatro cardenales que han escrito al Papa Francisco, pidiendo que aclare algunas dudas sobre su exhortación apostólica Amoris Laetitia, han incurrido en un grave escándalo al hacer pública esta carta a través de los medios de comunicación.
En declaraciones a Religión Confidencial, Pio Vito ha puesto de manifiesto que estos cuatro cardenales, al igual que algunas otras personas dentro de la Iglesia que ponen en duda la reforma del Papa Francisco y su exhortación apostólica Amoris Laetitita, están cuestionando “dos sínodos de obispos sobre el matrimonio y la familia ¡no un sínodo sino dos! Un ordinario y otro extraordinario. No se puede dudar la acción del Espíritu Santo”. 
Los cardenales Walter Brandmüller, Raymond Burke, Carlo Caffarra y Joachim Meisne preguntaron al Santo Padre algunas dudas de la Amoris Laeitita. Francisco no les respondió y los prelados hicieron pública la carta a través de los medios de comunicación.
¿”Qué Iglesia defienden estos cardenales? El Papa es fiel a la doctrina de Cristo. Lo que han hecho es un escándalo muy grave que incluso podría llevar al Santo Padre a retirarles el capelo cardenalicio como ya ha pasado en algún otro momento de la Iglesia”, ha afirmado Pio Vito a este Confidencial.
El decano de la Rota romana matiza: “Lo cual no quiere decir que el Papa les retire su condición de cardenales, pero podría hacerlo”.
Durante la conferencia Pío Vito dejó claro a los asistentes que el Papa no les ha respondido directamente a estos cuatro cardenales, “pero indirectamente les ha dicho que ellos solo ven blanco o negro, cuando en la Iglesia hay matices de colores”.
Monseñor Pío Vito ha participado en las jornadas sobre Discernimiento y acompañamiento en los casos de  nulidad matrimonial organizadas por la Conferencia Episcopal y la Universidad Eclesiástica de San Dámaso de Madrid.
Pocos católicos piden la nulidad
Este Confidencial preguntó a monseñor Pío Vito si no es mejor abrir la mano a los divorciados vueltos a casar y concederles la nulidad matrimonial, para que puedan casarse por la Iglesia y así recibir la Eucaristía, antes de que reciban la comunión unidos de manera civil.  
“La reforma del proceso matrimonial del Papa Francisco quiere llegar a más gente. El porcentaje de personas que piden la nulidad matrimonial es muy pequeño. El Papa ha dicho que la comunión no es solo para los buenos católicos. Francisco dice: ¿cómo llegar a las personas más excluidas? Muchas personas, con la reforma del Papa podrán pedir la nulidad, pero otros no”, explicó el Decano de la Rota Romana.
En este sentido, insistió en la clave del pontificado de Francisco, recogido en el punto 4 de la Bula que escribió con motivo del Jubileo de la Misericordia: “Vuelven a la mente las palabras cargadas de significado que san Juan XXIII pronunció en la apertura del Concilio para indicar el camino a seguir: `En nuestro tiempo, la Esposa de Cristo prefiere usar la medicina de la misericordia y no empuñar las armas de la severidad. La Iglesia Católica, al elevar por medio de este Concilio Ecuménico la antorcha de la verdad católica, quiere mostrarse madre amable de todos, benigna, paciente, llena de misericordia y de bondad para con los hijos separados de ella´”.
Diferencia con los protestantes
Sobre la opinión de algunas voces de que la Iglesia podría estar abrazando la reforma protestante, el Decano de la Rota explica que “Lutero destruyó la fe católica de los apóstoles. La Iglesia católica cree que en la Eucaristía está presente Jesucristo, y el protestantismo no cree en la presencia real de Cristo en la comunión. Esta es la gran diferencia”.
A este respecto y durante la conferencia, recordó que durante el sínodo de los obispos,  algunos padres sinodales le pidieron al Santo Padre un nuevo tratado de teología sobre matrimonio y Francisco lo descartó puesto que dijo que los otros papás ya habían dejado muy claro la teología del matrimonio.
Recordó que el centro del mensaje del Papa Francisco es llegar a todas aquellas personas que se han sentido, o se siente, descartados o heridos por la Iglesia. Señaló también que actualmente, mucha gente comulga indiscriminadamente. “Una religiosa me dijo que hay personas divorciadas o que viven juntas que están comulgando. Y ¿qué debe hacer la Iglesia, decir tu sí y tu no? El Papa Francisco quiere una Iglesia muy cercana al pueblo”.

http://www.religionconfidencial.com/vaticano/Decano-Rota-Romana-Papa-cardenalato_0_2828717124.html


Il Cardinal Burke offrirà una Messa Pontificale nella Forma Straordinaria il prossimo 10 dicembre


Il Cardinale Raymond Burke offrirà una Messa Pontificale nella Forma Straordinaria il prossimo 10 dicembre presso il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe, da lui fondato. Questa sara la prima Messa Pontificale celebrata nella forma straordinaria che si terrà presso il Santuario.  La celebrazione inizierà alle ore 11:00 e il card. Burke sarà assistito dai sacerdoti dell'Istituto di Cristo Re, la Fraternità Sacerdotale di San Pietro e da sacerdoti della Diocesi di La Crosse. La Messa sarà organizzata dall'Associazione Una Voce di La Crosse. Il Santuario si trova a La Crosse, in Wisconsin, al n. 5250 di Justin Rd. La Messa è aperta al pubblico.  Burke è uno dei più difensori noti dell'ortodossia cattolica e della tradizione liturgica.
Cardinal Raymond Burke will offer a Pontifical High Mass in the Extraordinary Form on December 10 at the Shrine of Our Lady of Guadalupe, which he founded. This is the first-ever Extraordinary Form Pontifical Mass to take place at the Shrine. It will begin at 11:00 a.m. Burke will be assisted by priests from the Institute of Christ the King, the Priestly Fraternity of St. Peter, and the Diocese of La Crosse. The Mass is sponsored by Una Voce of La Crosse. The Shrine is located at 5250 Justin Rd., La Crosse, Wisconsin, 54601. Its website can be viewed hereThe Mass is open to the public.  Burke is one of the most well-known defenders of Catholic orthodoxy and liturgical tradition. 
Fonte: https://www.lifesitenews.com/pulse/cardinal-burke-to-offer-high-latin-mass-in-wisconsin-dec.-10

lunedì 28 novembre 2016

I Cardinali che chiedono al Papa chiarezza non sono eretici

L’articolo qui di seguito proposto è apparso su Katholisch.de, cioè «il portale Internet della Chiesa cattolica tedesca». 
Il giornalista è molto franco e difende l’idea che la Chiesa non possa tralasciare di dare risposte chiare ai fedeli cattolici e di esigere una discussione pubblica e chiarificatrice su «domande di fede». 
Il riferimento è alla lettera dei quattro Cardinali al Papa in merito all'interpretazione dell'Amoris laetitia. 


***
I Cardinali che chiedono al Papa chiarezza non sono eretici, bensì adempiono il loro dovere episcopale. Joachim Meisner, Walter Brandmüller, Raymond Burke e Carlo Caffarra, perciò, con la loro lettera hanno adempiuto al compito loro affidato: consigliare e sostenere il Papa nel cuore dei problemi e nel retto governo della Chiesa. Ora, in una consultazione che sia di buona qualità, vanno ascoltate anche le interrogazioni a riguardo delle decisioni gravi.
Invece un vescovo della Grecia erroneamente rimprovera i Cardinali di diffondere l’eresia. Che Frangkiskos Papamanolis si trovi in errore, lo dimostra la definizione del concetto: Eretico è chi mette in dubbio o addirittura rifiuta una verità di fede definita. Nessuno dei quattro Cardinali si è macchiato di questo reato, perché anzi essi entrano in campo proprio per favorire una maggiore chiarezza circa le Verità della Chiesa.
Gli autori della lettera non sono affatto dissidenti che indossano la Porpora, ma uomini di chiesa che, in modo aperto, si prendono cura della disciplina della Chiesa. E ciò è qualcosa che proprio nella Chiesa in Germania ha una tradizione. Alla fine del XIX secolo, infatti, fu appunto l’episcopato tedesco a porre in guardia circa le conseguenze politiche del dogma dell’infallibilità papale. Successivamente, furono sempre tedeschi i teologi che si fecero avanti con la loro lotta contro l’Antimodernismo. E ancora, furono sempre i vescovi tedeschi che, nel 1968, osarono criticare pubblicamente papa Paolo VI per la sua eciclica Humane vitae. Ma certamente anche la Königsteiner Erklärung [una dichiarazione dei vescovi tedeschi che rifiutavano l’insegnamento dell’enciclica Humane vitae, N. d. T.], fu un atto tanto poco eretico quanto poco lo è adesso la lettera dei Cardinali.
Ci sono domande di fede che la Chiesa deve portare alla luce pubblica del discorso. A questo riguardo si rendono talvolta necessarie anche obbiezioni critiche da parte di vescovi, specialmente Cardinali. Sicché, così come la vita di fede della Chiesa ha assunto forme diverse, così anche le necessarie modalità di correzione sono diverse. Una volta erano dubbi progressisti di fronte a irrigidimenti ecclesiastici, oggi sono richiami e monizioni. E di certo porre dubbi non significa rifiuto: nel dubbio parla sempre il desiderio di un rafforzamento nella fede, attraverso la direzione e la guida della Chiesa. Perciò, la lettera dei Cardinali non è eresia, ma valido contributo a un dibattito esistenziale della Chiesa.



I buoni pastori non sono eretici - di Kilian Martin
Fonte: Katholisch.de, 25.11.2016

sabato 26 novembre 2016

Il card. Burke su liturgia, ad orientem e Islam



When Cardinal Raymond Burke held a teleconference at the end of August connected with Hope For the World: To Unite All Things in Christ (Ignatius Press), a new book-length interview, he spoke about some of today’s critical issues. Yet even with the turmoil in the world and Church, he noted the book’s title to emphasize his desire to encourage everyone so they “will find cause for new hope and new energy in their daily lives.”
Here mostly in his own words, are some critical areas he addressed.
He emphasized, “[W]e know that the only answer to the very serious challenges we face today is Jesus Christ and his gospel, his teaching, his life given to us in the Church.  And so those of us who are Church leaders have a very serious responsibility to address the truth as taught to us by Christ in the Church to the situations of today, that is done not in a proud way but with a great sense of love, the same love that inspired our Lord and Savior, that marked his public ministry, but a love which knows that what will best serve society is the truth, the truth respected which respects the plan of God for us in the moment of creation and that plan has been restored by our Lord Jesus Christ.”
He said “that’s what is needed so much in the Church today,” and as he visits places he finds “this is what people want to hear from priests, and bishops, and cardinals — they want to hear the truth of the faith.  They aren’t interested in my personal opinions about things, which won’t save their souls…they look to me to have reflected very deeply on the truth of the faith and on their application in society today and to speak to that truth with love and care for the society.”

RESTORING MASS ATTENDANCE
His response to the falling numbers attending Mass and seeking Confession, and many children’s religious illiteracy?
“[T]he way to turn things around is to have confidence in what the Sacred Liturgy has always taught and practiced,” he began. “One of the things that I found in the time since actually I was in the seminary, but especially as a young priest, there was always this idea that we had to find some new program, some new foolproof formula which would set people on fire with the faith, which would respond to the question of the tremendous secularization of society.  And what I’ve found the answer to be is to teach people the truth of the faith and their integrity and with some depth.  For instance, in the programs of the catechesis, which I knew in my early years as a priest, the children at the end of it would have been left with nothing if the teachers, or priests included, hadn’t gone way beyond what was presented in the books.
“And I remember one time interviewing a young Catholic man for a position when I was Bishop of La Crosse, and he told me about his own catechesis, and he was a bright young man and ended up going to Yale University, and he said, ‘I arrived there in which many of the professors were constantly attacking the Catholic Church as backward and so forth,’ and he said, ‘And I was armed with crayons and construction paper.’  Well, that’s maybe an exaggeration, but a lot of it was just that — the young people weren’t taught anything of substance and so they believed that maybe all there was about their Catholic faith was just that well, we’re all good, we’re all wonderful, but nothing more than that, no deep understanding of why it is that we’re good.  Who is God?  He made us in his own image and likeness, and so forth.”
We finds many “young people are craving so much, they don’t want facile answers, some new flashy program or whatever; they simply want to learn the truth which Christ teaches us in the Church.”

LITURGY
Cardinal Burke also looked at the Sacred Liturgy, defining it as “the highest and most perfect expression of our Catholic faith, and the Sacred Liturgy, when it’s celebrated correctly and with great dignity, we see the order of creation and we approach God himself with worship, and we receive from him not only the truth, which he teaches us through the Scriptures and through the homily of the priest, but also we receive truth itself in the sacraments and in direct encounter with Christ.”
Referring to Vatican II, he said that “what happened, sadly, after the council, and it certainly was not part of the teaching of the council, was there was a tremendously man-centered approach to the Sacred Liturgy, to the extent that the idea that this was worship offered to God according to God’s commandment was completely lost, and the liturgy became something we created, and I remember people saying well, we have to make the Sacred Liturgy interesting, and it was all of this experimentation.  But all of it completely blurred the essential encounter between heaven and earth, which is the liturgy, the essential encounter between eternity and time.”
He observed that when the Sacred Liturgy, especially the Holy Mass, was reduced this way, many people, stopped attending.  “They didn’t find anything there that they couldn’t find in other human activities.  And those that were coming were not being nourished with the truth, or were not seeing in the Sacred Liturgy this wonderful, what we call the mystery of faith, God’s plan for our salvation.  And so it strikes me that there’s an exact correlation between the abuses in the Sacred Liturgy and the breakdown of the moral life, and especially in these very serious questions regarding the protection and nurture owed to every human life from the moment of its conception to the moment of natural death.”

AD ORIENTEM
Turning to worshipping ad orientem, Cardinal Burke said he agrees “completely” with Cardinal Robert Sarah recommending and encouraging the return of ad orientem in the liturgy.
“And I believe that many of the comments which were made afterwards are not well informed and are not fair,” Cardinal Burke added. “His fundamental point, and the question of the position of the priest in the assembly…is key because the priest is at the head of the congregation, he’s acting in the person of our Lord Jesus Christ, offering this worship to God, and so all of us are facing the Lord.  He’s not turning his back on anybody, this is oftentimes what people say, well, now, the priest turned his back on us, not at all, the priest, as our spiritual father, is leading us in this worship to lift our minds and hearts to God.”
He pointed out there’s nothing in the Second Vatican Council’s documents “which would demand or even suggest that Mass should now suddenly be celebrated with the priest facing the people. This is a discipline which was introduced afterwards, and I think was part of the false liturgical reform.”
Cardinal Burke explained that when the priest is facing the people, “it doesn’t mean that the priest can’t offer the Mass very reverently and with the true spirit of the liturgy in the sense of offering worship to God facing them, but there’s the great temptation when the priest is facing the people to see him as some kind of a performer that suddenly now instead of the priest together with the people relating to God, somehow now it becomes an interaction between the priest and the people, and that the priest is the protagonist, and it’s no longer our Lord Jesus Christ.  And this is a very fundamental gross error that has to be addressed.”
When Cardinal Burke celebrates Mass “ad orientem, as we say, or facing the Lord, I absolutely object to someone saying that I’ve turned my back on the people.  No, it’s the greatest act of love for the people to be at their head and to offer for them the Holy Mass, because the Eucharist can only be offered by Christ himself and it’s the priest who sacramentally is Christ offering the Holy Mass, so let’s all just face the Lord as we should.”

ISLAM
Turning to the question on Islam, Cardinal Burke said he thinks “the response to Islam, at least as I see it on the part of some, is very much influenced by a relativism of a religious order.  I hear people saying to me, well, we’re all worshipping the same God.  We all believe in love.  But I say stop a minute, and let’s examine carefully what Islam is, and what our Christian faith teaches us both.  And when we come to the question of Christian faith, immediately there is involved a metaphysics because in the Christian faith God is the creator both of reason and he’s the giver of revelation, by which that what he teaches us, what the law is written on our hearts is illuminated, and we’re given a divine grace to live according to that law.
“This is not true in Islam,” he said. “I’ve been accused of taking an extreme view about Islam or of being influenced by people who don’t understand Islam, everything that I’ve said about Islam, including especially what’s in the book, is based on my own study of the text of Islam and also of their commentators, and when I’ve written on Islam I’ve been at pains to cite their own authors.  And the point I wanted to come to is this, I don’t believe it’s true that we’re all worshipping the same God, because the God of Islam is a governor.  In other words, fundamentally Islam is, Sharia is their law, and that law, which comes from Allah, must dominate every man eventually.
“And it’s not a law that’s founded on love.  To say that we all believe in love is simply not correct.  And while our experience may be with individual Muslims may be one of people who are gentle and kind and so forth, we have to understand that in the end what they believe most deeply, that to which they ascribe in their hearts, demands that they govern the world.  Whereas, in the Christian faith we’re taught that by the development of right reason, by sound metaphysics, and then that which leads to faith and to the light and strength that’s given by faith, we make our contribution to society also in terms of its governance, but the Church makes no pretense that it’s to govern the world, but rather that it’s to inspire and assist those who govern the world to act justly and rightly toward the citizens.”
He believes relativism comes in the sense, “[W]e don’t respect the truth about what Islam teaches and what, for instance, the Catholic Church teaches, and we just make these general statements, we’re all believing in the same God and so forth, and this is not helpful and ultimately it will be the end of Christianity, meaning nothing has changed in the Islamic agenda from prior times in which our ancestors in the faith have had to fight to save Christianity.  And why?  Because they saw that Islam was attacking sacred truths, including the sacred places of our redemption.
“We have to have a profound respect for right reason, for the natural law which God has written in every human heart.  I think most people don’t realize that there is no natural law doctrine in Islam and neither is there an ocean of conscience, everything is dictates of the laws that are given by either in their sacred text or by those who are entrusted with interpreting the law.”
The cardinal said he believes “what’s most important for us today is to understand Islam from its own documents and not to presume that we know already what we’re talking about.”
Finally, never lose hope

Joseph Pronechen
Fonte: http://www.ncregister.com/blog/joseph-pronechen/cardinal-burke-speaks-on-attendance-drops-iturgy-ad-orientem-and-islam1
SEP. 5, 2016

venerdì 25 novembre 2016

Card. Burke: "Il matrimonio è naturale e sacro. Nessuna autorità o prassi può scioglierlo"

Testo integrale dell'intervento del cardinale Raymond Leo Burke, in occasione del Convegno internazionale "Permanere nella verità di Cristo", svoltosi il 30 settembre 2015 presso l'Angelicum di Roma


***

Al momento attuale nella Chiesa non esiste una materia più importante da trattare della verità sul matrimonio. In un mondo nel quale l’integrità del matrimonio è sotto attacco già da molti decenni, la Chiesa è rimasta sempre l’araldo fedele della verità del piano di Dio per l’uomo e la donna, nella unione fedele, indissolubile e procreativa del matrimonio. Nel presente momento, certamente sotto la pressione di una cultura totalmente secolarizzata, confusione e perfino errore sono entrati nella Chiesa e minacciano di indebolire o compromettere gravemente la testimonianza della Chiesa, a detrimento della intera società.

La confusione e l’errore sono diventati evidenti a tutti durante la recente sessione della Terza Assemblea Straordinaria del Sinodo dei Vescovi, dedicata alla discussione del tema “Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto della evangelizzazione”, e tenuta nel mese di ottobre del 2014. La relazione presentata dopo la prima settimana di discussioni nel Sinodo ha reso spaventosamente chiara la gravità della situazione. La relazione stessa mancava di qualsiasi riferimento consistente al costante magistero della Chiesa sul matrimonio e si presentava come un manifesto, un tipo di incitamento ad un nuovo approccio alle questioni fondamentali della sessualità umana nella Chiesa, un approccio chiamato rivoluzionario, e non senza ragione, dai mezzi di comunicazione secolari. Infatti, il documento è stato rivoluzionario nel senso che è staccato da quello che la Chiesa ha sempre insegnato e praticato per quanto riguarda il matrimonio.

Adesso alla vigilia della XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovinella quale l’oggetto è “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”, vorrei offrire delle considerazioni canoniche essenziali. Dico “essenziali” perché è importante ricordare che l’istituto stesso del Sinodo dei Vescovi ha necessariamente un aspetto giuridico per garantire che l’istituto serva correttamente al bene della Chiesa. Il matrimonio e il suo frutto più bello, la famiglia, hanno anche un essenziale aspetto giuridico che garantisce il giusto rapporto tra gli sposi che costituiscono il matrimonio e tra gli sposi e tutti quanti che si rapportano al matrimonio concreto quale istituto pubblico e precisamente quale istituto fondamentale della società stessa – la prima cellula della società e la Chiesa domestica.

Prima presenterò delle considerazioni canoniche sul Sinodo stesso e poi delle considerazioni canoniche intorno ai temi presentati per la discussione dei Padri Sinodali tramite l’Instrumentum laboris della XIV Assemblea Generale Ordinaria.

Considerazioni canoniche sul Sinodo dei Vescovi

1. La natura del Sinodo dei Vescovi

Frequentemente nelle presentazioni vulgate dei lavori del Sinodo dei Vescovi, si è data l’impressione che la dottrina e la prassi perenne della Chiesa saranno alterate con una votazione a maggioranza dei Padri Sinodali. Ma il Sinodo dei Vescovi non ha l’autorità di cambiare dottrina e disciplina. La natura e lo scopo del Sinodo dei Vescovi sono descritti nel can. 342 del Codice di Diritto Canonico, che riporto verbalmente:
Il sinodo dei Vescovi è un’assemblea di Vescovi i quali, scelti dalle diverse regione dell’orbe, si riuniscono in tempi determinati per favorire una stretta unione fra il Romano Pontefice e i Vescovi, e per prestare aiuto con i loro consigli al Romano Pontefice stesso nella salvaguardia e nell’incremento della fede e dei costumi, nell’osservanza e nel consolidamento della disciplina ecclesiastica e inoltre per studiare i problemi riguardanti l’attività della Chiesa nel mondo[1].
Il Sinodo dei Vescovi non è convocato dal Romano Pontefice per suggerire cambiamenti nella dottrina e disciplina della Chiesa, ma piuttosto per assistere il Romano Pontefice nella salvaguardia e nella promozione della sana dottrina riguardante la fede e i costumi, e nel rafforzamento della disciplina per la quale le verità della fede sono vissute nella prassi.

È importante ricordare che il canone stesso è tratto dal Motu proprio Apostolica sollicitudo con il quale il Beato Papa Paolo VI ha istituto il Sinodo dei Vescovi al termine del Concilio Ecumenico Vaticano II. Dal Motu proprio e dalle norme che lo hanno messo in pratica è chiaro che il Sinodo esiste per favorire la comunione nella Chiesa, dando al Romano Pontefice un particolare istituto perché egli possa ricevere l’aiuto dell’episcopato disperso in tutto il mondo nel suo servizio petrino. Ricordo le parole della Costituzione dommatica sulla Chiesa, Lumen gentium, del Concilio Ecumenico Vaticano II:
Questo sacrosanto sinodo, seguendo le orme del concilio vaticano primo, insegna e dichiara con esso che Gesù Cristo, pastore eterno, ha edificato la santa chiesa e ha mandato gli apostoli come egli stesso era stato mandato dal Padre (cf. Gv. 20, 21), e ha voluto che i loro successori, cioè i vescovi, fossero fino alla fine dei tempi pastori nella sua chiesa. Affinché lo stesso episcopato fosse uno e indiviso, prepose agli altri apostoli il beato Pietro e in lui stabilì il principio e il fondamento perpetuo e visibile dell’unità della fede e della comunione[2] .
Chiaramente, l’istituto del Sinodo dei Vescovi è uno strumento privilegiato del rapporto tra i Vescovi quali successori degli Apostoli e il Romano Pontefice quale successore di San Pietro. Il rapporto è essenziale alla vita della Chiesa ed è molto delicato. Per questo motivo, anche se non c’è tempo oggi di farlo, è importante studiare in profondità l’istituto del Sinodo dei Vescovi, dalla sua costituzione, per evitare distorsioni dannose per la Chiesa universale.

Considerando le sfide che gli sposi e la famiglia affrontano nella cultura odierna, è evidente che l’aiuto principale che il Sinodo dei Vescovi dovrebbe offrire al Romano Pontefice è la discussione dei mezzi per preparare più profondamente le coppie che intendono sposarsi, per accompagnarle specialmente nei primi anni di matrimonio, e per aiutare le coppie che si trovano in difficoltà e perfino in uno stato che non corrisponde alla verità del matrimonio come Dio l’ha creato dall’inizio, e che Cristo, insistendo sulla verità del matrimonio, lo ha restituito alla sua bellezza originale.

Infatti, la discussione sul matrimonio e sulla famiglia durante l’assemblea del Sinodo nell’ottobre del 2014 è stata presentata in termini di evangelizzazione. L’appello frequente di Papa Francesco alla Chiesa, di andare nelle periferie, ha come scopo l’evangelizzazione della gente che vive nelle periferie. Tale evangelizzazione, secondo l’insegnamento di Papa Giovanni Paolo II, ci porta a raggiungere la “«misura alta» della vita cristiana ordinaria”[3] che è “raccolta dal Vangelo e dalla viva Tradizione” nella Chiesa[4] . Il Sinodo perciò ha il compito di suggerire i modi per la Chiesa d’essere più fedele alla verità sul matrimonio e sulla famiglia, insegnataci dal Vangelo e dalla Tradizione viva. Per quanto riguarda il matrimonio cristiano e la famiglia, e la chiamata all’evangelizzazione, già nella Familiaris consortio Papa Giovanni Paolo II ha dichiarato che “la famiglia cristiana […] è la prima comunità chiamata ad annunciare il Vangelo alla persona umana in crescita e a portarla, attraverso una progressiva educazione e catechesi, alla piena maturità umana e cristiana”[5] .

La Chiesa e perciò il Sinodo devono dare attenzione speciale alla santità del matrimonio, alla fedeltà, all’indissolubilità e alla procreatività dell’unione matrimoniale. La vita familiare cristiana è necessariamente nella cultura odierna un segno di contraddizione. Il Sinodo deve essere l’occasione per la Chiesa universale di dare ispirazione e forza alle coppie cattoliche per la loro testimonianza alla verità di Cristo, della quale la nostra cultura ha tanto bisogno. Il Sinodo deve essere un aiuto alle famiglie cristiane nell’essere, secondo la descrizione antica, Chiesa domestica, il primo luogo nel quale la fede cattolica è insegnata, celebrata e vissuta. I fedeli vivendo in un matrimonio in difficoltà certamente devono godere dell’attenzione particolare della Chiesa che, ad imitazione del Salvatore, annuncia a loro la verità di Cristo e porta a loro la grazia di Cristo per vivere fedelmente e generosamente la vocazione matrimoniale fino alla fine.

2. La “plenitudo potestatis” e la “potestas absoluta”

Vorrei accennare anche ad un’altra confusione che è stata diffusa in questo tempo delle due assemblee del Sinodo dei Vescovi sul matrimonio e sulla famiglia. Nella discussione sui mezzi per affrontare il frequente naufragio di matrimoni, alcuni hanno suggerito che la pienezza della potestà (plenitudo potestatis) del Romano Pontefice significa che egli potrebbe sciogliere qualsiasi matrimonio, per dare la possibilità agli sposi divorziati di entrare in una nuova unione.

Un tale suggerimento non tiene conto della necessaria distinzione tra la pienezza della potestà e la potestà assoluta. La pienezza di potestà del Romano Pontefice, descritta nel can. 331 del Codice di Diritto Canonico, è al servizio della verità della dottrina e della disciplina nella Chiesa universale. Il Santo Padre esercita il suo potere con totale obbedienza a Cristo e non può prendere provvedimenti contro la verità di Cristo, appellandosi ad una potestà assoluta e perciò arbitraria. In altre parole, sarebbe contraddittorio asserire un potere del Romano Pontefice sopra la legge divina.

Rimane allora vera anche per il Romano Pontefice la disciplina contenuta nel can. 1141 del Codice di Diritto Canonico: “Il matrimonio rato e consumato non può essere sciolto da nessuna potestà umana e per nessuna causa, eccetto la morte” [6]. La stessa disciplina, di diritto divino, è contenuta nel can. 853 del Codice dei Canoni delle Chiese Orientali.

A questo riguardo si deve anche osservare che il naufragio di molti matrimoni non significa che tutti o neanche molti sono naufragati per ragione della nullità del matrimonio. L’esperienza pastorale insegna che molti matrimoni validi naufragano per il peccato, per la mondanità e l’egoismo che sono in se stessi nocivi al proseguimento del patto di amore fedele e duraturo.

3. Il rapporto tra dottrina e disciplina

Per quanto riguarda le questioni canoniche sul matrimonio, e specialmente il processo canonico per la dichiarazione di nullità del matrimonio, è frequentemente asserito che cambiamenti nella disciplina canonica possono essere introdotti senza intaccare in alcun modo la dottrina sull’indissolubilità del matrimonio. Anche il falso suggerimento che il Romano Pontefice possa sciogliere qualsiasi matrimonio in casi speciali – ovviamente non nei casi del legittimo esercizio del potere petrino nello scioglimento di un matrimonio “in favore della fede” – pretende che si possa sciogliere un matrimonio rato e consumato in un caso speciale senza intaccare la dottrina dell’indissolubilità del matrimonio.

Ma è più che evidente che un processo inadeguato per arrivare alla verità su un matrimonio accusato di nullità comporterebbe una mancanza del dovuto rispetto all’indissolubilità. Infatti negli Stati Uniti, dal 1971 al 1983, è stato concesso un processo molto semplificato, con la riduzione della figura del difensore del vincolo e l’effettiva eliminazione della doppia sentenza conforme. Con il tempo e non senza ragione, il processo per la dichiarazione di nullità del matrimonio è stato qualificato popolarmente come “divorzio cattolico”. In altre parole, nella percezione comune, mentre la Chiesa dichiarava l’indissolubilità del matrimonio nella sua dottrina, nella prassi permetteva a parti tenute da un legame matrimoniale di sposarsi con un’altra persona senza che fosse previamente dimostrata la nullità del vincolo matrimoniale precedente.

Nello stesso modo, se fosse possibile – ma non lo è – per il Romano Pontefice sciogliere un matrimonio rato e consumato, allora la verità dell’indissolubilità del matrimonio cadrebbe. Anche in quel caso la percezione popolare dovrebbe concludere che la Chiesa, in qualche modo, non è coerente nella sua dottrina.

Per quanto riguarda il rapporto tra la disciplina canonica e la dottrina, mi riferisco alla magistrale presentazione dell’insostituibile servizio del diritto canonico per la salvaguardia e la promozione della sana dottrina, che Papa Giovanni Paolo II ha fatto, specialmente alla luce dell’antinomianismo del periodo postconciliare, nella Costituzione Apostolica Sacrae disciplinae leges con la quale ha promulgato il Codice di Diritto Canonico nel 1983.

Il santo Pontefice descrisse la natura del diritto canonico, indicando il suo sviluppo organico dalla prima alleanza di Dio con il Suo santo popolo. Egli ricordò il « lontano patrimonio di diritto contenuto nei libri del Vecchio e Nuovo Testamento dal quale, come dalla sua prima sorgente, proviene tutta la tradizione giuridico-legislativa della Chiesa” [7]. In particolare ha notato come Cristo Stesso ha dichiarato di non essere venuto per distruggere «il ricchissimo retaggio della Legge e dei Profeti» ma per dargli compimento [8]. Il Signore infatti ci insegna che è la disciplina che apre la via alla libertà nell’amore di Dio e del prossimo. Così Papa San Giovanni Paolo II ha dichiarato : “In tal modo gli scritti del Nuovo Testamento ci consentono di percepire ancor più l’importanza stessa della disciplina e ci fanno meglio comprendere come essa sia più strettamente congiunta con il carattere salvifico della stessa dottrina evangelica” [9].

Egli ha articolato il fine del diritto canonico, cioè, il servizio della fede e della grazia, ricordando che, lontano da essere un ostacolo alla nostra vita in Cristo, la disciplina canonica salvaguarda e promuove la vita cristiana:
Stando così le cose, appare con chiarezza che il Codice non ha come scopo in nessun modo di sostituire la fede, la grazia, i carismi e soprattutto la carità dei fedeli nella vita della Chiesa. Al contrario, il suo fine è piuttosto di creare tale ordine nella società ecclesiale che assegnando il primato all’amore, alla grazia e ai carismi, rende più agevole contemporaneamente il loro organico sviluppo nella vita sia della società ecclesiale, sia anche delle singole persone che ad essa appartengono[10] .
È evidente che la disciplina della Chiesa non può mai essere in conflitto con la dottrina che ci arriva in una linea ininterrotta dagli Apostoli. Infatti, come osservò Papa San Giovanni Paolo II, “in realtà, il Codice di diritto Canonico è estremamente necessario alla Chiesa”[11] . In ragione del rapporto stretto e inseparabile tra la dottrina e il diritto, ha poi ricordato che il servizio essenziale del diritto canonico alla vita della Chiesa necessita che le leggi siano osservate e, al tale fine, “l’espressione delle norme fosse accurata, e perché esse risultassero basate su un solido fondamento giuridico, canonico e teologico”[12].

Considerazioni specifiche

L’Instrumentum laboris, nel n. 114, che corrisponde al n. 48 del documento finale della Assemblea dell’ottobre scorso propone due cambiamenti nella disciplina della Chiesa: 1) “la necessità di rendere più accessibili ed agili, possibilmente del tutto gratuite, le procedure per il riconoscimento dei casi di nullità”, e 2) “andrebbe considerata la possibilità di dare rilevanza al ruolo della fede dei nubendi in ordine alla validità del sacramento del matrimonio”[13] .

1. La proposta di radicale modificazione del processo per la dichiarazione di nullità

La prima proposta assai diffusa di modificare radicalmente il processo per la dichiarazione di nullità del matrimonio, cosicché le parti in una causa di nullità possano ricevere più facilmente e più rapidamente una tale dichiarazione, ha già trovato una risposta, già prima dell’altra Assemblea sinodale, attraverso la legislazione papale sul processo canonico per l’esame delle accuse di nullità matrimoniale, emanata l’8 settembre. Non commento la nuova legislazione, ma tratto la questione per i principi coinvolti.

Nella sua presentazione al Concistoro Straordinario del 20 e 21 febbraio 2014, il Cardinale Walter Kasper ha asserito che il processo per la dichiarazione di nullità non è di diritto divino e perciò potrebbe essere radicalmente alterato[14] . Egli ha suggerito un processo amministrativo, per esempio, un incontro del Vescovo o di un sacerdote designato dal Vescovo con una parte che accusa il suo matrimonio di nullità, in base al quale il Vescovo dichiarerebbe la nullità del matrimonio[15] .

Mentre è vero che il processo nei suoi singoli elementi non è di diritto divino, un processo adatto a scoprire la verità del matrimonio accusato di nullità è assolutamente richiesto dalla legge divina. L’attuale processo è il frutto della plurisecolare esperienza della Chiesa circa il giusto trattamento di una accusa di nullità matrimoniale e, come ha magistralmente illustrato Papa Pio XII nella sua allocuzione alla Rota Romana nel 1944[16] , si compone di vari elementi tutti adatti a scoprire la verità delle situazioni di naufragio matrimoniale che sono normalmente assai complesse.

Per i casi più semplici, per esempio, per il caso di una persona che ha attentato il matrimonio quando era ancora legata ad un preesistente matrimonio, esiste un processo documentale, con la celerità appropriata. Come spiego nel mio contributo, alterare l’attuale processo senza rispetto della evoluzione storica dello stesso rischia di sottrarre al processo la possibilità di arrivare al suo giusto fine, un giudizio emanato con certezza morale, secondo la verità scoperta tramite lo stesso.

Sono stato per molti anni presso la Segnatura Apostolica, prima quale Difensore del Vincolo dal 1989 al 1995 e, poi, quale Prefetto dal 2008 fino al novembre dell’anno scorso. In modo consistente l’esperienza della Segnatura Apostolica insegna che, quando il tribunale ha personale ben preparato, le cause procedono senza ingiustificati ritardi. Allo stesso tempo, un processo per arrivare ad una decisione in una materia così importante e delicata ha, per necessità, i suoi tempi per raccogliere le prove, per esaminarle, e alla fine per emanare un giudizio con morale certezza. Con amarezza ho verificato molte volte che il Vescovo diocesano non ha curato sufficientemente la preparazione del personale necessario per il suo tribunale. In altre parole, non è il processo che ha bisogno di modifiche, ma la prassi di alcuni Vescovi di non provvedere per il tribunale gli operatori giusti e preparati.

2. La fede requisita per un valido consenso matrimoniale

La natura stessa ci insegna del matrimonio: l’abbandono della casa familiare da parte di un uomo e di una donna affinché possano, con l’aiuto di Dio, formare una nuova casa. Abbandonano le loro proprie famiglie per diventare “un’unica carne”, per formare una nuova famiglia[17] . Quello che la natura ci insegna, quello che è iscritto in ogni cuore umano, è anche manifestato nel corpo dell’uomo e della donna. La stessa verità, rivelata nella natura, è anche rivelata nelle Sacre Scritture e insegnata dal Magistero. Non ci può essere nessuna contraddizione, infatti, tra quello che Dio ha rivelato attraverso la natura e quello che Egli ha rivelato nella Sua parola ispirata. Non ci può essere nessuna contraddizione tra la natura e la grazia, le quali ambedue hanno la loro origine in Dio e riflettono la Sua verità, bellezza e bontà, delle quali Egli ha dato una partecipazione alle Sue creature. L’uomo, sopra ogni altra creatura terrestre, partecipa dell’Essere di Dio, perché Dio ha creato l’uomo, maschio e femmina, a sua immagine[18] .

Il matrimonio, istituto da Dio fin dall’inizio, ha sofferto gli effetti del peccato originale dal quale Cristo ci ha salvato nella Sua Incarnazione Redentiva. Ricordiamo come la prima manifestazione dello stato decaduto di Adamo e Eva è stata la loro vergogna[19]. La Seconda Persona della Santissima Trinità, prendendo la nostra natura umana, ha purificato e elevato il matrimonio, costituendolo nella dignità di Sacramento, affinché gli sposi possano più facilmente e pienamente vivere secondo il piano di Dio voluto per loro fin dall’inizio.

Il matrimonio è una realtà naturale e fa parte della creazione di Dio. Con la sua istituzione Dio lo ha dotato delle caratteristiche naturali: un’unione tra un uomo e una donna che è esclusiva, permanente e aperta alla vita. Un’unione che manca o esclude una di queste proprietà non è un vero matrimonio nel senso naturale. Nella nuova alleanza, il matrimonio tra i battezzati è anche una realtà soprannaturale, un sacramento. Ma l’elevazione del matrimonio a sacramento non toglie la realtà naturale. Infatti, il matrimonio sacramentale mantiene tutte le sue proprietà naturali[20] .

L’aggettivo “naturale” applicato al matrimonio può avere due sensi. Può riferirsi alla bellezza e integrità del matrimonio dall’inizio, dal momento della creazione dell’uomo e della donna da parte di Dio. Può anche riferirsi alla natura decaduta dell’uomo dopo il peccato originale, agli effetti del peccato originale che rendono più difficile per gli sposati di vivere la verità della loro unione coniugale.

La catechesi sulla grazia matrimoniale conferita sugli sposi è la chiave per affrontare l’attuale confusione nella Chiesa. In una società totalmente secolarizzata esiste la tendenza di vedere il matrimonio da un punto di vista puramente naturale, nel senso dello stato decaduto dell’uomo e così di ridurre l’insegnamento di Cristo sul matrimonio alla espressione di un ideale che è impossibile raggiungere per la maggioranza. Ma la verità è che Cristo, fedele alle Sue promesse, rimane sempre in mezzo a noi nella Chiesa[21] . Egli non cessa mai di effondere in abbondanza la grazia divina nei nostri cuori, affinché noi possiamo vivere in Lui in ogni fibra del nostro essere, in ogni dimensione della nostra vita.

La nostra catechesi sul matrimonio deve essere centrata sulla replica di Cristo al tentativo dei Farisei di confonderLo sulla questione del divorzio. Dobbiamo ricordare anche che la catechesi centrata sull’insegnamento di Cristo è sempre accompagnata dalla Sua grazia a vivere la verità enunciata nel Suo insegnamento.

Il contratto matrimoniale è, per natura, sacro, perché è stato istituto da Dio per unire un uomo e una donna nel Suo amore fedele e duraturo del quale il frutto incomparabile è la procreazione ed educazione dei Suoi figli. Così, anche prima che Cristo elevasse il matrimonio alla dignità di sacramento, il matrimonio ha sempre coinvolto non soltanto gli sposi ma anche Dio, quale Autore vivo del matrimonio. Per questa ragione, il contratto matrimoniale è anche chiamato alleanza, perché è una fondamentale e più bella manifestazione dell’alleanza tra Dio e uomo, e, specialmente come insegna San Paolo nella Lettera agli Efesini, dell’alleanza tra Cristo, lo Sposo, e la Chiesa, Sua Sposa[22] . Questo è il senso di chiamare matrimonio un sacramento naturale.

Deve essere allora chiaro che l’elevazione del matrimonio legittimo a sacramento non costituisce per gli sposi un nuovo contratto; il matrimonio continua ad essere costituito dal loro originale atto del consenso matrimoniale. Allo stesso tempo è chiaro che la validità del consenso matrimoniale dei battezzati non dipende dal livello della loro fede nel Sacramento del matrimonio. È stato suggerito che molti matrimoni sono nulli per la mancanza di fede o per la fede insufficiente nel Sacramento del matrimonio. La mancanza o la debolezza della fede di uno o ambedue gli sposi può significare che uno o ambedue non rispondono pienamente alla grazia del Sacramento, ma certamente non rende il matrimonio nullo.

La sacramentalità, applicata al matrimonio, deve essere giustamente intesa. Talvolta si parla della sacramentalità come una qualche addizione al matrimonio per renderlo cristiano, ma questo non è vero. La sacramentalità non è un elemento o una proprietà del matrimonio. È piuttosto la forza soprannaturale che permea e vivifica ognuno degli elementi e proprietà del matrimonio, elevandoli all’ordine della efficacia soprannaturale. La sacramentalità coincide con il matrimonio stesso, che, per il Sacramento del battesimo, fa parte dell’economia della salvezza[23] .

Chiaramente è la fede e il battesimo che fanno sacramentale il matrimonio. Il matrimonio è sacramentale quando gli sposi sono vivi in Cristo per il battesimo. Così Papa San Giovanni Paolo II ha insegnato nella Esortazione postsinodale Familiaris Consortio:
Infatti, mediante il battesimo, l'uomo e la donna sono definitivamente inseriti nella Nuova ed Eterna Alleanza, nell'Alleanza sponsale di Cristo con la Chiesa. Ed è in ragione di questo indistruttibile inserimento che l'intima comunità di vita e di amore coniugale fondata dal Creatore, viene elevata ed assunta nella carità sponsale del Cristo, sostenuta ed arricchita dalla sua forza redentrice[24] .
In altre parole, il battesimo dà alla persona un nuovo rapporto ontologico con Dio. Il matrimonio dà ad un uomo e a una donna un nuovo rapporto con se stessi. Se scelgono liberamente di stabilire questo nuovo rapporto tra se stessi, questo riguarda anche il già esistente rapporto ontologico con Dio. Quello che succede supera la loro volontà. Infatti, l’unico modo con il quale due cristiani che si sposano potrebbero veramente escludere la sacramentalità sarebbe quello di cessare di essere cristiani – ma questo non lo possono fare. La volontà umana non è onnipotente, non ha il potere di cambiare l’ordine dell’essere stabilito da Cristo, ma deve cooperare con lui[25] .

È sufficiente che gli sposi intendano fare quello che la Chiesa intende, perché gli sposi stessi, non la Chiesa, sono i ministri e i recipienti del Sacramento. L’intenzione richiesta per il valido conferimento del Sacramento del matrimonio è semplicemente l’intenzione della realtà naturale, cioè l’intenzione di sposarsi. Se questa è la loro intenzione, ambedue vivendo in Cristo, ricevono quello che intendono elevato, anche senza che si rendano conto, a livello sacramentale, arricchito e trasformato dalla grazia. Gli sposi devono avere l’intenzione di sposarsi. Per quanto riguarda la sacramentalità, non è richiesta alcuna ulteriore intenzione[26] .

Nell’allocuzione alla Rota Romana del 1º febbraio 2001, Papa San Giovanni Paolo II ha spiegato sinteticamente l’argomento al riguardo. Vale la pena di citare la sua chiara spiegazione:
Quasi all’inizio del mio pontificato, dopo il Sinodo dei Vescovi sulla famiglia del 1980 nel quale fu trattato, mi sono pronunciato al riguardo nella Familiaris consortio, scrivendo: «Il sacramento del matrimonio ha questo di specifico fra tutti gli altri: di essere il sacramento di una realtà che già esiste nell’economia della creazione, di essere lo stesso patto coniugale istituito dal Creatore al principio». Di conseguenza, per identificare quale sia la realtà che già dal principio è legata all’economia della salvezza e che nella pienezza dei tempi costituisce uno dei sette sacramenti in senso proprio della Nuova Alleanza, l’unica via è quella di rifarsi alla realtà naturale che si è presentata dalla Scrittura nella Genesi. È ciò che ha fatto Gesù parlando dell’indissolubilità del vincolo coniugale, ed è ciò che ha fatto San Paolo illustrando il carattere di «mistero grande» che ha il matrimonio «in riferimento a Cristo e alla Chiesa».
Del resto dei sette sacramenti il matrimonio, pur essendo un «signum significans et conferens gratiam», è il solo che non si riferisce ad un’attività specificamente orientata al conseguimento di fini direttamente soprannaturali. Il matrimonio, infatti, ha come fini, non solo prevalenti ma propri «indole sua naturali», il bonum coniugum e la prolis generatio et educatio.In una diversa prospettiva, il segno sacramentale consisterebbe nella risposta di fede e vita cristiana dei coniugi, per cui esso sarebbe privo di una consistenza oggettiva che consenta di annoverarlo tra i veri sacramenti cristiani. Perciò, l’oscurarsi della dimensione naturale del matrimonio, con il suo ridursi a mera esperienza soggettiva, comporta anche l’implicita negazione della sua sacramentalità. Per contro, è proprio l’adeguata comprensione di questa sacramentalità nella vita cristiana ciò che spinge verso una rivalutazione della sua dimensione naturale.
D’altra parte, l’introdurre per il sacramento requisiti intenzionali o di fede che andassero al di là di quello di sposarsi secondo il piano divino del «principio» – oltre ai gravi rischi che ho indicato nella Familiaris consortio: giudizi infondati e discriminatori, dubbi sulla validità di matrimoni già celebrati, in particolare da parte di battezzati non cattolici – , porterebbe inevitabilmente a voler separare il matrimonio dei cristiani da quello delle altre persone. Ciò si opporrebbe profondamente al vero senso del disegno divino, secondo cui è proprio la realtà creazionale che è un «mistero grande» in riferimento a Cristo e alla Chiesa[27] .
Dal punto di vista psicologico, queste parole possono essere difficili da capire ed accettare. La loro comprensione dipende dalla comprensione dell’effetto ontologico, dal carattere sacramentale impresso nell’anima dal Sacramento del battesimo.

Certamente, lo sposo cristiano deve intendere quello che la Chiesa intende, che non è differente, nella sua essenza, dal sacramento naturale, se anche è arricchito e perfezionato dalla grazia sacramentale. Se quelli che si preparano a sposarsi dimostrano che non intendono quello che la Chiesa intende, poi, come ci ha insegnato Papa San Giovanni Paolo II nella Familiaris consortio, “il pastore delle anime non può ammetterli alla celebrazione”[28] .

In questo senso si deve osservare che un argomento forte per la validità di un matrimonio celebrato nella Chiesa è il rito stesso, specialmente gli elementi centrali del rito, che tutti sottolineano la natura del patto matrimoniale “con cui l’uomo e la donna stabiliscono tra loro la comunità di tutta la vita, per sua natura ordinata al bene dei coniugi e alla generazione e educazione della prole”[29] , e le sue proprietà essenziali, cioè l’unità e l’indissolubilità[30] .

3. Nota sulla “via penitenziale”

Il tempo non mi permette di affrontare una discussione ampia della “via penitenziale” che è presentata nei nn. 122 e 123 dell’Instrumentum Laboris[31] . Tale “via penitenziale” ha un carattere giuridico perché tocca la realtà pubblica del matrimonio. Infatti, la “via penitenziale”, come proposta non è stata mai parte della disciplina canonica della Chiesa Cattolica, ma sembra essere una versione della prassi nelle Chiese Ortodosse. La Relatio Synodi, n. 122 dell’Instrumentum Laboris, la descrive come “una accoglienza non generalizzata alla mensa eucaristica, in alcune situazioni particolari ed a condizioni ben precise, soprattutto quando si tratta di casi irreversibili e legati ad obblighi morali verso i figli che verrebbero a subire sofferenze ingiuste” [32].

La “via penitenziale” soffre di tutte le difficoltà che la prassi delle Chiese Ortodosse soffre. Al tale riguardo, mi riferisco all’eccellente studio della questione della prassi ortodossa di S.E.R. Mons. Cyril Vasil’, S.I., Segretario della Congregazione per le Chiese Orientali, nel libro Permanere nella verità di Cristo: Matrimonio e comunione nella Chiesa Cattolica[33] .

Per il momento, osservo soltanto che è molto difficile capire come la “via penitenziale” è coerente con la verità insegnata da Cristo sul caso dei divorziati che attentano il matrimonio. È anche difficile capire come è veramente penitenziale, perché esclude l’intenzione ferma di emendare la vita, che è essenziale alla penitenza.

Si deve anche chiarire il senso dei “casi irreversibili”, perché la terminologia in se stessa non è coerente con la realtà della grazia conferita con il consenso matrimoniale. Alla fine, senza, in nessun senso, sottovalutare la sofferenza dei bambini in tali situazioni, non si può dire che la loro sofferenza è ingiusta, come se l’insegnamento della verità di Cristo generasse situazioni di ingiustizia. È piuttosto il frutto naturale della situazione dei loro genitori.

Conclusione

Ci sono altri aspetti canonici della discussione sinodale che potrei segnalare. Ho voluto almeno indicare le considerazioni più centrali.

Per concludere: viviamo in un tempo nel quale il matrimonio è sotto un attacco veramente feroce, che cerca di offuscare e macchiare la bellezza sublime dello stato matrimoniale come Dio lo ha voluto dall’inizio, dalla creazione. Il divorzio è diventato comunissimo, come è anche comunissima la pretesa di rimuovere dall’unione coniugale, con ogni mezzo esterno, la sua essenza procreativa. E adesso la cultura è andata ancora oltre nel suo affronto a Dio e alla Sua legge, pretendendo di dare il nome di matrimonio ai rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso.

Perfino nella Chiesa c’è chi oscura la verità dell’indissolubilità del matrimonio. Ci sono anche quelli che negano che gli sposati ricevono la grazia particolare per vivere eroicamente un amore fedele, duraturo e procreativo, mentre il Signore stesso ci ha assicurato che Dio dà agli sposati la grazia per vivere quotidianamente la loro vita, il mistero della loro unione, secondo la verità evangelica.

Nella attuale situazione, la testimonianza della Chiesa allo splendore della verità del matrimonio deve essere limpida e coraggiosa. Una parte, forse minima ma certamente essenziale, è il rispetto per l’aspetto giuridico del matrimonio. È impossibile che la Chiesa salvaguardi e promuova la vita matrimoniale senza osservare la giustizia, senza la quale non ha senso parlare dell’amore, che è l’essenza del matrimonio e che san Paolo ha chiamato un grande mistero perché è una partecipazione nell’amore di Cristo, Sposo, per la Chiesa, Sua Sposa[34].

*Patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta
____________________________________
NOTE
1. “Can. 342 - Synodus Episcoporum coetus est Episcoporum qui, ex diversis orbis regionibus selecti, statutis temporibus una conveniunt ut arctam coniunctionem inter Romanum Pontificem et Episcopos foveant, utque eidem Romano Pontifici ad incolumitatem incrementumque fidei et morum, ad disciplinam ecclesiasticam servandam et firmandam consiliis adiutricem operam praestant, necnon quaestiones ad actionem Ecclesiae in mundo spectantes perpendant.” Versione italiana: Codice di diritto canonico commentato, 3ª ed. Riveduta, ed. Redazione di Quaderni di diritto ecclesiale (Milano: Àncora Editrice, 2009). [CDCC].
2. “Haec Sacrosancta Synodus, Concilii Vaticani primi vestigia premens, cum eo docet et declarat Iesum Christum Pastorem aeternum sanctam aedificasse Ecclesiam, missis Apostolis sicut Ipse missus erat a Patre (cfr. Io. 20, 21); quorum successores, videlicet Episcopos, in Ecclesia sua usque ad consummationem saeculi pastores esse voluit. Ut vero Episcopatus ipse unus et indivisus esset, beatum Petrum ceteris Apostolis praeposuit in ipsoque instituit perpetuum ac visibile unitatis fidei et communionis principium et fundamentum”. Sacrosanctum Concilium Oecumenicum Vaticanum II, Constitutio dogmatica Lumen gentium, “De Ecclesia”, 21 Novembris 1964, Acta Apostolicae Sedis 57 (1965), 22, n. 18. Versione italiana: Enchiridion Vaticanum, vol. 1, pp. 157 e 159, n. 329.
3. “… «superiorem modum» ordinariae vitae christianae”. Ioannes Paulus PP. II, Epistula Apostolica Novo millennio ineunte, “Magni Iubilaei anni MM sub exitum”, 6 Ianuarii 2001, Acta Apostolicae Sedis 93 (2001), 288, n. 31. [NMI]. Versione italiana: EV, vol. 20, p. 69, n. 31. [NMIIt].
4. “… quod de Evangelio derivatur semper vivaque Traditione.” NMI, 285, n. 29. Versione italiana: NMIIt, p. 63, n. 58.
5. “… christiana enim familia est prima communitas, cuius est Evangelium personae humanae crescenti annuntiare eamque progrediente educatione et catechesi ad plenam maturitatem humanam et christianam perducere.” Ioannes Paulus PP. II, Adhortatio Apostolica Familiaris consortio, “De Familiae Christianae muneribus in mundo huius temporis”, 82, n. 2. [FC]. Versione italiana: Enchiridion Vaticanum, vol. 7, p. 1391, n. 1525. [FCIt].
6. “Can. 1141 - Matrimonium ratum et consummatum nulla humana potestate nullaque causa, praeterquam morte, dissolvi potest”. Versione italiana: CDCC.
7. “... longinqua illa hereditas iuris, quae in libris Veteris et Novi Testamenti continetur, ex qua tota traditione iuridica et legifera Ecclesiae, tamquam a suo primo fonte, originem ducit.” Ioannes Paulus PP. II, Constitutio Apostolica Sacrae disciplinae leges, 25 Ianuarii 1983, Acta Apostolicae Sedis 75, Pars II (1983), p. x. [SDL]. Versione italiana: Codice di Diritto Canonico commentato, ed. Redazione di Quaderni di diritto ecclesiale, 3ª ed. riv. (Milano: Àncora Editrice, 2009), p. 61. [SDLIt].
8. Cf. Mt 5, 17.
9. “Sic Novi Testamenti scripta sinunt ut nos multo magis percipiamus hoc ipsum disciplinae momentum, utque ac melius intellegere valeamus vincula, quae illud arctiore modo contingunt cum indole salvifica ipsius Evangelii doctrinae.” SDL, pp. x-xi. Versione italiana: SDLIt, p. 63.
10. “Codex eo potius spectat, ut talem gignat ordinem in ecclesiali societate, qui, praecipuas tribuens partes amori, gratiae atque charismati, eodem tempore faciliorem reddat ordinatam eorum progressionem in vita sive ecclesialis societatis, sive etiam singulorum hominum, qui ad illam pertinent.” SDL, p. xi. Versione italiana: SDLIt, p. 63.
11. “Ecclesiae omnino necessarius est.” SDL, p. xii. Versione italiana: SDLIt, p. 64.
12. “... canonicae leges suapte natura observantiam exigent…accurate fieret normarum expressio…in solido iuridico, canonico ac theologico fundamento inniterentur.”SDL, p. xiii. Versione italiana: SDLIt, p. 66.
13. Sinodo dei Vescovi, XIV Assemblea Generale Ordinaria, “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”, Instrumentum Laboris (Città del Vaticano: Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi e Libreria Editrice Vaticana, 2015), p. 64, n. 114. [IL]
14. Cf. Walter Kasper, Il vangelo della famiglia (Brescia: Edizioni Queriniana, 2014), p. 45. [Walter Kasper].
15. Cf. Walter Kasper, p. 45.
16. Cf. Pius PP. XII, Allocutio, “Ad Praelatos Auditores ceterosque officiales et administros Tribunalis S. Romanae Rotae necnon eiusdem Tribunalis advocatos et procuratores,” 2 Octobris 1944, Acta Apostolicae Sedis 36 (1944), 281-290.
17. Cf. Gen 2, 24; Mt 19, 5; Mc 10, 7; 1Cor 6, 16; Ef 5, 31.
18. Cf. Gen 1, 27.
19. Cf. Gen 3, 7.
20. Cf. Cormac Burke, The Theology of Marriage: Personalism, Doctrine, and Canon Law(Washington, DC: The Catholic University of America Press, 2015), pp. 1-2. [Cormac Burke].
21. Cf. Mt 28, 20
22. Cf. Ef 5, 21-32
23. Cf. Ef 5, 21-32
24. FC, p. 95, n. 13. Versione italiana: FCIt, p. 1415, n. 1568
25. Cf. Cormac Burke, p. 6
26, Cf. Cormac Burke, p. 11
27. Ioannes Paulus PP. II, Allocutio “Ad Romanae Rotae tribunal,” 1 Februarii 2001, Acta Apostolicae Sedis 93 (2001), 363-364, n. 8
28. FC, p. 165, n. 68. Versione italiana: FCIt, p. 1739, n. 68
29. Can. 1055, § 1
30. Cf. can. 1056
31. Cf. IL, pp. 67-68, nn. 122-123
32. IL, p. 67, n. 122
33. Cf. Cyril Vasil’, Separazione, divorzio, scioglimento del vincolo matrimoniale e seconde nozze. Approcci teologici e pratici delle Chiese Orientali, Permanere nella verità di Cristo. Matrimonio e comunione nella Chiesa cattolica, ed. Robert Dodaro (Siena: Edizioni Cantagalli, 2014), pp. 87-118
34. Cf. Ef 5, 32

Fonte: http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2015/10/card-burke-il-matrimonio-e-naturale-e.html